Banche: truffe anziani, arriva vademecum

Usare le carte di pagamento in piena sicurezza, evitare di cadere nelle frodi online, non correre rischi dopo aver prelevato denaro allo sportello automatico o in succursale.

Arriva il vademecum dell’Abi per garantire maggiore sicurezza, in particolare agli anziani e a coloro i quali hanno minore educazione finanziaria. Ecco i punti chiave.

– QUANDO SI VA IN BANCA. Non essere “abitudinari”, ad esempio andando in filiale sempre lo stesso giorno e ora o facendo lo stesso percorso. Non lasciarsi avvicinare da sconosciuti mentre si va o si torna dalla banca. Farsi accompagnare da un familiare quando si deve versare o prelevare una somma rilevante di denaro.

– QUANDO SI USA IL SITO INTERNET DELLA BANCA. Custodire con cura e modificare spesso i codici. Non conservarli mai insieme al dispositivo che genera la password “usa e getta” per accedere ai servizi online. Accedere al sito dall’indirizzo nella barra di navigazione e controllarlo. Non entrare mai nella pagina del conto corrente attraverso riferimenti che si trovano nelle e-mail ricevute. Aggiornare sempre i programmi di protezione. Segnalare alla banca ogni anomalia.

– QUANDO SI PRELEVA O SI PAGA CON LA CARTA. Non prestare mai la carta. Custodire con molta cura – e mai insieme alla carta – il proprio codice PIN, se possibile impararlo a memoria. Fare attenzione a non essere osservati, e coprire la tastiera, quando si digita il PIN.

– QUANDO SI INVESTONO I RISPARMI. Verificare sempre che chi si ha davanti sia un soggetto abilitato. Non consegnare mai contanti a chi propone investimenti. Assegni o bonifici devono essere solo a favore della banca, della società finanziaria, ecc. Non anticipare mai del denaro per poter acquistare dei prodotti di investimento. Diffidare sempre da chi propone grossi guadagni facili e sicuri: a rendimenti elevati corrispondono rischi elevati.

– ASSEGNI E CONTO CORRENTE. Non accettare mai assegni da sconosciuti o persone non fidate, o incompleti. Non affidare mai in custodia ad altri il libretto degli assegni, evitare di spedirlo, non trasmettere mai fotocopie di assegni. Controllare sempre con attenzione l’estratto conto e segnalare errori.

– RAGGIRI O CARTA PERSA O RUBATA? Contattare immediatamente le forze dell’ordine e successivamente la banca. Tenere sempre con sé i numeri telefonici di riferimento. In caso di furto o smarrimento, chiamare subito il numero verde del servizio di “Blocco carta” e poi denunciare alle Forze dell’Ordine.

(ANSA)

293 Totale visite 1 Visite oggi
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *